La conoscenza di un territorio e dei suoi valori identitari costituisce non solo il fondamento di un sentimento di appartenenza per le comunità che vi risiedono, ma anche il presupposto per un reale apprezzamento e per una consapevolezza del valore, collettivo e individuale al tempo stesso, del patrimonio culturale locale, oltre che una condizione essenziale per la sua tutela e per la sua rinascita economica e sociale.

Knowing a country and its identity values is both the basis for a sense of belonging for local communities and the prerequisite for an appreciation and a true understanding of the single and collective importance of the cultural and territorial heritage. It is, moreover, the necessary condition to promote its protection and economic and social revival.

lunedì 23 gennaio 2017

Gennaio: al lavoro nelle vigne del Falerno





Gennaio, è questo il periodo di riposo assoluto della vite, il periodo adatto per procedere alla potatura. Il nostro sistema è di lasciare uno “sperone” ed un tralcio che andremo a sistemare sul primo filo, lasciando al massimo sei/sette gemme, in modo da limitare il potenziale quantitativo e favorire al massimo la qualità. Dopo il taglio, il piccolo "sperone" con solo due gemme, dette miste, porterà il nuovo tralcio fruttifero con foglie e grappoli. Questi ultimi, infatti, nascono sempre sui tralci di un anno di età e mai direttamente dal legno vecchio.
    




Una volta completata la potatura, si procede alla raccolta in fascine dei sarmenti (i tralci residui della potatura che noi chiamiamo "viticaglie") che accatastate negli ampi spazi a capo dei filari sono successivamente bruciate allo scopo di evitare la diffusione di malattie nel vigneto. Le ceneri ricche di potassio contribuiranno alla concimazione, unitamente ad un poco di altro concime organico.




martedì 27 dicembre 2016

VI edizione del Presepe vivente a "I Sassi di Tuoro" - Sessa Aurunca


Nello scenario naturale di uno dei più suggestivi borghi del territorio sessano, "I Sassi di Tuoro" si potrà rivivere, nell'occasione della VI edizione del Presepe vivente, la magica atmosfera della Natività.
Uno scenario naturale che renderà ancora più suggestiva la rappresentazione della Natività e che darà vita ad un borgo che pochi conoscono, interamente scavato nel tufo delle colline del Roccamonfina. 
Gli abitanti del borgo vestiranno i panni di contadini, fabbri, ciabattini, pastori, massaie, tutti in abiti rigorosamente dell'epoca e faranno rivivere le strade del piccolo borgo e gli anfratti scavati nel tufo della collina con una esplosione di magiche suggestioni. Rivivranno così il vecchio frantoio, l'osteria, la grotta della Nascita di Gesù.


"ll fascino del Presepe per niente scalfito dal passare dei secoli e dall'avvento della fredda tecnologia, rivive per la sesta edizione de "I sassi di Tuoro", suggestiva cornice naturale della frazione Tuoro - tipica architettura rurale dei borghi pedemontani - nel territorio del Comune di Sessa Aurunca. E' l'occasione per ricreare le atmosfere più autentiche e per valorizzare il significato del Natale, con la rappresentazione degli antichi mestieri lungo il caratteristico percorso dei vicoli della contrada Sassi: un vero e proprio presepe naturale con le sue volte secolari, i passaggi angusti, le stradine ripide ed i locali scavati nella pietra. Circa novanta figuranti per la rappresentazione dell'antica Betlemme che ripetono scene di vita quotidiane: le massaie che impastano il pane, il falegname, il fabbro, il fruttivendolo, l'osteria, la molitura delle olive nel vecchio frantoio, il panettiere, il ciabattino, il legumaio, il pescivendolo, questi alcuni dei mestieri impersonati dagli abitanti del luogo, con vestiti dell'epoca, oltre alla grotta naturale con tanto di bue, asinello, caprette e mangiatoia, con il magico suono delle antiche zampogne."

Tutto questo nei giorni 28 e 29 dicembre 2016 dalle ore 17,30.

Per la particolarità del luogo, è necessario lasciare le auto a Sessa Aurunca(zona Ospedale) dove funzionerà il servizio navetta messo a disposizione dei visitatori.









lunedì 12 dicembre 2016

Carinola. Il palazzo Petrucci



Il palazzo, ubicato tra la piazza O. Mazza e quella della Cattedrale, è stato realizzato durante il XV secolo su preesistenze risalenti ai secoli precedenti ed è un eccezionale esempio di struttura nobiliare con notevoli influssi catalani. Il palazzo è appartenuto a Francesco de Petruciis, conte di Carinola dal 1464 e figlio di Antonello, segretario di Ferrante di Aragona, tra i principali artefici della "congiura dei baroni", ordita ai danni di Ferrante e conclusasi con la morte atroce dell'intera famiglia (1486-1487). In seguito, il Palazzo è divenuto proprietà dei Carafa di Stigliano e, dal 1692, dei Duchi Grillo di Clarafuentes.
La particolarità della struttura è data dalla composizione asimmetrica delle facciate, prive di un progetto unitario (essendo il palazzo frutto di varie stratificazioni) e dall'estrema originalità dello stile catalano. 







L'ingresso è scandito da un bel portale in stile durazzesco, posto in posizione non centrale, che immette in un androne e di lì, attraverso un imponente arco ribassato, alla corte interna. Il piano superiore è articolato in sette splendide finestre disposte su tre lati, tutte diverse tra loro ed ognuna interessante per la propria eleganza decorativa. La diversità morfologica di tali opere potrebbe segnalare l'intervento di maestranze diverse. Si va, infatti, da uno schema a croce guelfa a decorazioni più complesse, ottenute con cerchi non concentrici e allineati, con appesi pendagli in pietra alla maniera del grande maestro catalano Forcimanya, oppure a volute traforate o a due archetti che si incontrano nel centro, sovrastati da una cornice a bilanciere. 
A seguito di recenti restauri è stata riportata alla luce una bella loggia, posta all'angolo tra piazza Vescovado e via Roma, che si apre sulle facciate tramite due arcate per lato, poggianti su colonne polilobate con capitelli floreali. 





L'interno del palazzo è caratterizzato dalla classica corte intorno alla quale ruotano i numerosi ambienti che costituiscono la struttura. Si ritrovano ambienti di servizio, deposito e stalle al piano terra, abitativi e di rappresentanza al piano superiore. Particolare è la loggia a due livelli, che si snoda su due lati della corte; il livello inferiore è coperto a volta, mentre quello superiore presenta un soffitto ligneo affrescato cosi come era, un tempo, anche la sala di rappresentanza accessibile dalla loggia, che occupa buona parte del prospetto principale e si collega anche con la loggia d'angolo. Annesso al palazzo è anche un giardino che affaccia sulle mura della città, al quale si accede tramite una seconda corte interna.


Il testo è di Corrado Valente ed è tratto da:
Carinola. Guida ai luoghi e ai monumenti del territorio, Pro Loco di Carinola.


Per approfondimenti su Francesco Petrucci e la congiura dei baroni si veda il post

http://lebellezzedelmassico.blogspot.it/2012/05/francesco-petrucci-conte-di-carinola-e.html